Maggiore visibilità all’esterno del T.D.M

Maggiore visibilità all’esterno del T.D.M

Nocera Inferiore – 2 marzo 2017
Maggiore visibilità all’esterno per garantire meglio “I Diritti dei Cittadini” all’informazione, alla sicurezza, alla protezione, alla qualità, alla riparazione dei torti.

volontari
Sarà la prossima attività del Tribunale per i Diritti del Malato, di Nocera Inferiore, di cui è responsabile il geometra Lucio Malinconico.

lucio
L’impegno è stato assunto dai volontari del Tribunale per i Diritti del Malato nella riunione che si è tenuta presso l’Ospedale di Nocera Inferiore, giovedì 2 marzo.

Il T.D.M. scrive al Direttore Sanitario

Durante l’incontro, si è parlato delle problematiche che sono state segnalate al direttore Sanitario dott. Alfonso Giordano e che riguardano il vitto, le visite ambulatoriali, la pulizia e la biancheria.
VITTO – Il Tribunale dei Diritti del Malato di Nocera Inferiore, dopo le tante lamentele degli ammalati, constata che il vitto viene distribuito senza tener conto delle patologie dei pazienti e buona parte lo si ritrova nei bidoni dell’immondizia. Si presume che il vitto offerto ai pazienti non risponda al capitolato di appalto sottoscritto dalle parti e che non esista nessun controllo sulla qualità, prima della distribuzione.
VISITE AMBULATORIALI – Le visite ambulatoriali di chirurgia, neurologia e neurochirurgia si ottengono non prima di due – tre mesi dalla prenotazione. Per gli ambulatori chiusi, il paziente che ha prenotato la visita alle ore 11,00 resta pazientemente in attesa fino alle ore 13,00; e solo dopo l’intervento dei volontari del Tribunale per i Diritti del Malato, i pazienti vengono invitati a salire nei reparti per la visita.
BIANCHERIA – In tutti i reparti c’è carenza di lenzuola e quelle che vengono usate, sono bucate.
I volontari del Tribunale per i Diritti del Malato sono costretti a pulire le zone vicine all’ingresso principale, dalle cicche di sigarette; questo perché si ignora la norma del divieto di fumare in tutta la struttura ospedaliera.
Adesso si attende la risposta del direttore sanitario.

gruppo

coorfinatore

carabiniere