Progetto O.R.A. – Open Road Alliance

O.R.A. sito web

Al via a settembre il progetto O.R.A. – Open Road Alliance – di Unipolis e Cittadinanzattiva: gli studenti delle città metropolitane realizzeranno il Manifesto della Mobilità Sostenibile – La Mobilità del Futuro
È O.R.A. di muoversi! Di rompere gli schemi, allargare gli orizzonti, immaginare e percorrere nuove strade. Il 19 settembre, nell’ambito della Settimana Europea della Mobilità 2019 sarà presentato il progetto O.R.A., un percorso formativo e un contest di idee per giovani pronti a costruire l’Open Road Alliance – l’alleanza dei ragazzi delle città metropolitane italiane, uniti per progettare le comunità del futuro e realizzare il nuovo Manifesto della Mobilità Sostenibile – La Mobilità del Futuro.

L’evento di lancio di O.R.A., il progetto triennale ideato su iniziativa di Fondazione Unipolis e Cittadinanzattiva avverrà a Roma nella Sala Capitolare presso il Chiostro del Convento di Santa Maria sopra Minerva in Piazza della Minerva, 38 (dalle 9.30 alle 13).

L’intento di O.R.A. è promuovere una nuova cultura della mobilità attraverso l’educazione ad un nuovo modello di mobilità più sostenibile in senso ampio, basato cioè sull’attenzione ai temi ambientali, la condivisione dei mezzi, la sicurezza, un orientamento alla multimodalità e all’interoperabilità oltre che ad un approccio più sostenibile al mondo dei servizi pubblici locali. Le azioni progettuali si collocano nell’ambito degli obiettivi di sviluppo sostenibile indicati dall’Agenda 2030 delle Nazioni Unite. Partire dai giovani, promuovendo la loro partecipazione attiva su questi temi, è fondamentale per costruire comunità intelligenti, inclusive, sostenibili e favorire il dialogo tra gli stakeholder attorno alle tematiche più rilevanti. Prima fra tutte quella delle aree urbane dove, oltre al rispetto delle regole e alla consapevolezza della strada come bene comune, servono nuovi assetti urbani.

Le classi potranno candidarsi a partecipare dal 19 settembre e fino al 20 dicembre 2019. Per un percorso in varie fasi che si concluderà a fine 2021.

Timeline progetto O.R.A.

Il Manifesto della Mobilità Sostenibile – La Mobilità del Futuro sarà realizzato sia in versione cartacea, con il contributo dei lavori di tutte le classi partecipanti, sia in versione multimediale mediante i lavori creativi delle 9 classi finaliste, che vinceranno una visita a Bologna negli spazi di CUBO, il museo d’impresa del gruppo Unipol – tra i partner del Progetto O.R.A. – dove potranno sperimentare i simulatori di guida e presso i laboratori Ducati di Fisica In Moto, per un’esperienza didattica interattiva.

Il percorso si concluderà con 14 incontri pubblici di restituzione del Manifesto da parte dei ragazzi alle proprie città metropolitane di appartenenza, momenti in cui i ragazzi consegneranno alle amministrazioni la loro idea di mobilità futura.

L’Unità di Ricerca in Psicologia del Traffico dell’Università Cattolica del Sacro Cuore realizzerà la misurazione di impatto dell’intero progetto, il cui esito sarà una pubblicazione che analizzerà l’impatto in termini di aumento della conoscenza, cambiamento di attitudini e comportamenti che il progetto ha generato su tutti gli studenti partecipanti.

Il regolamento completo del progetto sarà disponibile nelle prossime settimane su questo sito.

Nel corso dell’evento del 19 settembre (il cui programma è in fase di definizione), interverrà un rappresentante dell’European Transport Safety Council, il Consiglio Europeo per la sicurezza dei trasporti, che presenterà per la prima volta in Italia i risultati dello studio “Lo stato dell’educazione alla mobilità e alla sicurezza stradale in Europa” che analizza cosa fanno gli Stati europei in tema di educazione alla mobilità. Un’occasione per riflettere sull’efficacia di diversi modelli, obiettivi e approcci al tema.

Il progetto O.R.A. ha già ottenuto il patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del territorio e del Mare e di ANCI – Associazione Nazionale Comuni Italiani.

Nelle diverse fasi del percorso saranno coinvolti i partner di O.R.A.:

  • Research Unit on traffic psychology – Università Cattolica del Sacro Cuore
  • Laboratorio mobilità e trasporti – Politecnico di Milano
  • ANVU ‑ Associazione Professionale Polizia Locale d’Italia
  • CRU – Consigli Regionali Unipol
  • CUBO ‑ Museo d’impresa del Gruppo Unipol

Per partecipare all’evento di lancio del progetto O.R.A. è necessario iscriversi su eventbrite a questo link.

O.R.A. save the date

*Le opinioni e i contenuti espressi nell’ambito dell’iniziativa sono nell’esclusiva responsabilità dei proponenti e dei relatori e non sono riconducibili in alcun modo al Senato della Repubblica o ad organi del Senato medesimo. L’accesso alla sala – con abbigliamento consono e, per gli uomini, obbligo di giacca e cravatta – è consentito fino al raggiungimento della capienza massima.

*Gli operatori dell’informazione (giornalisti, fotografi e operatori) devono accreditarsi entro il 16 settembre 2019, inviando i seguenti dati: nome, cognome, data e luogo di nascita, numero del documento di identità, numero del tesserino ordine dei giornalisti, testata di riferimento, email/cellulare, all’indirizzo email segreteria@fondazioneunipolis.org oppure inviarli all’Ufficio Stampa del Senato al fax 06.7606.2947

Iniziativa promossa da: Cittadinanzattiva e Fondazione Unipolis

Anno di realizzazione: 2019-2021

Per maggiori informazioni: Martina Lalli (m.lalli@cittadinanzattiva.it)

Bollette 28 giorni: ecco come richiedere il rimborso

Fatturazione 28 giorni rimborso

Il Consiglio di Stato con sentenza definitiva del 4/7/19 ha stabilito che gli operatori dovranno restituire i giorni erosi illegittimamente con la fatturazione a 28 giorni nella prossima bolletta utile. Pertanto, in base alla delibera AgCom 269/18/CONS si potrà richiedere il rimborso in denaro dei giorni erosi nel periodo decorrente dal 23 giugno 2017 fino al ritorno alla fatturazione su base mensile (5 aprile 2018).
Tale rimborso è previsto per chi non dovesse accettare l’offerta dell’operatore e anche per coloro i quali non sono più attualmente clienti dell’operatore telefonico, avendo chiuso l’utenza o cambiato operatore.

Le offerte di ristoro alternative delle compagnie telefoniche, mediante bonus, servizi gratuiti o promozioni attive per un lasso di tempo, sono legittime, tuttavia, sono difficilmente quantificabili in termini monetari e potrebbero non rappresentare un vantaggio per il cliente che, accettandole, non potrà più avvalersi dell’indennizzo maggiore previsto con sentenza dal Consiglio di Stato il 4/7.  Suggeriamo ai cittadini di richiedere un rimborso in denaro.

In allegato il modulo per la richiesta di rimborso.

La tassazione fiscale di alcuni paesi EU danneggia altri

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato – Agcm, ha presentato pochi giorni fa la relazione annuale su quanto realizzato nell’anno precedente.
Alcuni dati: sono state comminate sanzioni alle aziende per un ammontare superiore a 1 miliardo e 277 milioni di euro, di cui oltre 1 miliardo e 192 milioni di euro in sede di enforcement antitrust ed oltre 85 milioni di euro in materia di tutela del consumatore. Per quanto concerne la tutela della concorrenza, sono stati chiusi 13 procedimenti per intese, 11 procedimenti per abuso di posizione dominante e 5 procedimenti per concentrazioni.

Il Presidente dell’Autorità Roberto Rustichelli ha però posto l’accento su un problema già noto che rischia di falsare la concorrenza in ambito europeo: la tassazione fiscale delle grandi aziende. Alcuni paesi, con un sistema fiscale molto favorevole, permettono alle multinazionali di stabilire lì la propria sede fiscale, danneggiando il paese dove il bene, e quindi, il valore, è effettivamente prodotto. Questo trattamento si riverbera sulla tassazione fiscale dei consumatori. I paesi che soffrono questa “migrazione fiscale” sono infatti costretti a scegliere una tassazione meno equa a svantaggio economico delle piccole e medie imprese.

Approfondisci

Ultime News